Messaggio di errore

  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 324 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 326 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 324 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 326 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 324 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 326 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 324 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 326 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 324 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).
  • Notice: Undefined index: href in icon_navbar_get_language_links() (linea 326 di /var/www/www.italicon.education/htdocs/sites/all/modules/icon_navbar/icon_navbar.module).

La didattica on line per la lingua di oggi

Cristina Gavagnin racconta l'italiano agli stranieri

Per sedici docenti di italiano del Belgio l’aggiornamento professionale è a distanza. Nella città fiamminga di Genk l’ente Coascit, ovvero il Comitato di assistenza scolastica italiano, ha organizzato d’intesa con il Consorzio ICoN il corso La lingua italiana di oggi nella didattica dell’italiano a stranieri.

«Tutti i corsisti insegnano in Belgio, prevalentemente a bambini e adolescenti, ma qualcuno anche agli adulti» spiega Cristina Gavagnin, tutrice del corso. «Gli iscritti hanno percorsi formativi e professionali diversi, ma sono accomunati da esperienze di vita e di lavoro internazionali e da un grande desiderio di continuare a imparare e di condividere nuove esperienze. Il corso, cominciato nel dicembre scorso, è durato in tutto 12 settimane. Nel 2016 è ripreso dopo la pausa vacanza natalizia ed è terminato il 31 marzo».

Per quanto riguarda la didattica, il percorso è stato pensato per insegnanti che hanno già esperienza di insegnamento come docenti di italiano all’estero, e quindi i tempi e le attività hanno tenuto conto delle esigenze di chi lavora a tempo pieno. «Trattandosi di un corso interamente on line è impossibile quantificare il numero di ore di attività individuale. Ogni corsista ha potuto decidere di dedicare alla formazione e allo studio dei materiali, divisi tra obbligatori e integrativi, molte ore al giorno oppure 3-4 ore alla settimana, numero di ore sufficienti per poter studiare i moduli obbligatori e svolgere le attività proposte».

L’erogazione di un corso in modalità on line crea vantaggi legati, in origine, alla possibilità di offrire formazione e aggiornamento anche a persone fisicamente lontane e a creare sinergie positive tra insegnanti che operano, almeno nel caso di ICoN, in contesti diversi e distanti. «Inizialmente qualcuno potrebbe ritenere che si tratti di una modalità di apprendimento fredda», commenta la tutrice del corso. «Il discente è solo davanti al suo computer, ma, complici anche le nuove possibilità del web 2.0, un corso on line permette di costruire rapporti professionali durevoli nel tempo e di progettare numerose attività collaborative. Un altro indubbio vantaggio di un corso on line è la flessibilità nei tempi e nella metodologia di studio che permette a ciascun discente di costruirsi un suo percorso personale all’interno di un tracciato disegnato dal tutore».

Il corso, inserito nell’offerta per la formazione erogata da ICoN, prevede attività diversificate ed è strutturato in quattro fasi. «La prima fase ha una funzione introduttiva e serve a prendere confidenza con la piattaforma», racconta la dottoressa Gavagnin. «Nella seconda fase, dedicata al modulo Analisi e didattizzazione di testi, sono previste un’attività di discussione on line e un lavoro individuale di adattamento di un testo tratto dalla ricca antologia della piattaforma. La terza fase è invece dedicata ai nuclei teorici del modulo Modelli operativi per la didattica e porta alla creazione di un glossario on line. La quarta fase è infine prevalentemente laboratoriale e ai corsisti, divisi in quattro gruppi, è chiesto di predisporre in modo collaborativo un’intera unità di lavoro. È proprio quest’ultima fase a essere la più impegnativa ma anche la più stimolante».

Secondo la tutrice, anche in considerazione dei risultati della prima parte del corso, i moduli obbligatori, oltre a essere un’ottima introduzione teorica, hanno dimostrato anche un carattere fortemente operativo. «Questo significa che l’insegnante non studia solo come si adatta un testo per renderlo didatticamente efficace per un certo tipo di apprendenti, ma è anche incoraggiato, grazie a numerosi esempi, a costruire e modificare testi che può poi sperimentare in classe nella sua didattica quotidiana. Lo stesso accade per il modulo Modelli operativi per la didattica, che costituisce un eccellente punto di partenza per invitare i docenti a costruire in autonomia una lezione o un’unità di lavoro da proporre in classe».

Share this post