Icon Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Ricerca nel sito
Corsi di italiano
Corsi di italiano
I corsi di italiano della prima generazione
Aree disciplinari del corso di laurea
Antichistica
Filosofia
Geografia
Letteratura
Lingua
Musica, Teatro e Cinema
Storia dell'arte
Storia e scienze sociali
Risorse in abbonamento
Biblioteca digitale
Museo virtuale
Enciclopedia
Materiali multimediali
Formazione
Forum
Ricerca utente

Archivio Primo PianoArchivio GeneraleHome News

Mostre ed eventi a Roma, Milano e nel mondo

Cento anni di Futurismo

Le celebrazioni per l’avanguardia artistica

Il 20 febbraio 1909 lo scrittore Filippo Tommaso Marinetti pubblicava sul prestigioso quotidiano parigino Le Figaro il Manifesto del Futurismo, proclama fondante di un movimento rivoluzionario che avrebbe sovvertito i parametri di gran parte della poetica del primo Novecento; un movimento destinato a permeare ogni forma artistica con teorie e suggestioni che percorreranno la vita intellettuale dell’intero secolo.

A cento anni di distanza Roma, Milano e molte altre città del mondo celebrano l’ultima grande avanguardia italiana. Una serie di manifestazioni che attraverseranno il 2009 per far conoscere il messaggio artistico del Futurismo e rilanciare gli elementi di attualità e modernità che lo hanno caratterizzato.

Nella capitale in programma le mostre ed esposizioni di FutuRoma. Fino al 24 maggio alle Scuderie del Quirinale, Boccioni, Carrà e Balla vengono messi in relazione e a confronto con Duchamp, Braque e Picasso nella mostra Futurismo. Avanguardia-Avanguardie, realizzata in collaborazione con il Musée National d’Art Moderne/Centre Georges Pompidou di Parigi e la Tate Modern di Londra. Al Casino dei Principi i musei di Villa Torlonia presentano invece la rassegna L’Arte della Pubblicità. Il Manifesto Italiano e le Avanguardie 1920-1940. Un percorso dedicato all’evoluzione dell’arte della pubblicità attraverso manifesti e sculture delle avanguardie artistiche tra il 1920 ed il 1940. Tema simile per Futurismo Manifesto 100x100, a cura di Achille Bonito Oliva. La mostra, presentata da Artmedia Studio, Mudima, D’Arte, Societas Dante Alighieri e in programma al Macro Future, è interamente dedicata al linguaggio e allo stile di manifesti, proclami, volantini, annunci, provocazioni e sfide dei futuristi.

A Milano, città che fu culla e centro propulsore del movimento futurista, ha preso il via FuturisMi, una rassegna tra arte, spettacolo e musica. Fino al 7 giugno 2009 a Palazzo Reale in calendario la mostra Futurismo 1909 – 2009 – Velocità + Arte + Azione. L’esposizione propone circa 500 opere per raccontare il Futurismo dall'arte al paroliberismo, dall'architettura al teatro, fino agli oggetti del vivere quotidianoSempre fino al 7 giugno la Fondazione Stelline celebra invece l'ideatore del Futurismo. In F. T. Marinetti = Futurismo le rare tavole parolibere, il celebre "Zang Tumb Tumb" e le sculture di Balla e Boccioni. Dal 15 ottobre al 25 gennaio 2010 Palazzo Reale aprirà di nuovo i battenti per una mostra dal titolo Futurismo 100-Simultaneità. Nell’esposizione l’esperienza artistica di Umberto Boccioni viene confrontata con la scultura d'avanguardia europea. Una generazione che rivoluzionò la scultura tra futurismo, cubismo, dada e costruttivismo.

Vivace anche l’attività promossa dagli Istituti Italiani di Cultura e da enti e istituzioni sparse nel mondo. Dal 20 marzo al 3 maggio, il Vigeland-Museet di Oslo ospiterà la prima tappa della mostra ''Carte Futuriste'', curata da Davide Sandrini e Maurizio Scudiero e dedicata alla grafica futurista, che ha saputo creare una nuova sensibilità compositiva e un nuovo senso della visione. La rassegna, promossa dal Ministero degli Affari Esteri e organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura, presenta una panoramica completa degli autori che meglio hanno rappresentato l'avanguardia futurista. Per le opere grafiche di Balla e i disegni di Prampolini, Depero, Sironi, Russolo, Severini, Carrà pre-metafisico e Boccioni è prevista anche l’esposizione in Europa nord-orientale, a Bratislava, Monaco, Varsavia e Amburgo. Conferenza al museo Martin-Gropius-Bau di Berlino: il 19 marzo lo storico dell'arte Philippe Daverio proporrà L’estetica futurista, un viaggio alla scoperta dei segreti e delle ragioni del un fenomeno culturale.

Presso l'Istituto di Cultura di Melbourne il 20 marzo e, successivamente, in quello di Sydney il 24 il celebre compositore e musicologo italiano Luciano Chessa, esperto di musica sperimentale del XX secolo e in particolare dell'Hip Pop italiano, terrà la conferenza Il suono del Futurismo, in cui, oltre a presentare una lettura della poesia sonora futurista, parlerà anche di Luigi Russolo, il pittore che contribuì allo sviluppo del Futurismo con originali opere musicali e reciterà alcuni passi tratti da L'Arte dei Rumori, mostrando alcuni modelli degli strumenti del maestro e sottolineando l'influenza di Leonardo da Vinci nei suoi progetti di costruzione.

Michelangelo Betti(12/03/2009)
 
 
Archivio Primo PianoArchivio GeneraleHome News

Reg. Tribunale di Milano n. 739 del 28 dicembre 2002

Direttore responsabile: Marco Gasperetti
Caporedattore: Michelangelo Betti
Grafica: Andrea Grande

Collaboratori: Italia | Estero

Vuoi identificarti?
Utente
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati
Potrai accedere alla Biblioteca e partecipare ai Forum!

Clicca qui!

Newsletter
Per ricevere le notizie di ICoN lascia la tua
e-mail

Rapporti internazionali
Partner didattici


Icon tools
Invia a un amico questa pagina
Fai di questa pagina la tua home page
Stampa questa pagina
Copyright © 2000-2016 Consorzio ICoN - Italian Culture on the Net - p.i. 01478280504
Sede legale: Lungarno Pacinotti 43, 56126 Pisa - Sede amministrativa: Piazza dei Facchini 10, 56125 Pisa
Iscrizione al Registro delle imprese di Pisa: PI-130559