Icon Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Ricerca nel sito
Corsi di italiano
Corsi di italiano
I corsi di italiano della prima generazione
Aree disciplinari del corso di laurea
Antichistica
Filosofia
Geografia
Letteratura
Lingua
Musica, Teatro e Cinema
Storia dell'arte
Storia e scienze sociali
Risorse in abbonamento
Biblioteca digitale
Museo virtuale
Enciclopedia
Materiali multimediali
Formazione
Forum
Ricerca utente

Archivio Italia nel mondoArchivio GeneraleHome News

La “passione fredda” della Ruhr

In mostra la storia del gelato italiano

Fino all’undici ottobre una mostra singolare per il Museo dell’Industria Zeche Hannover di Bochum: le sale dell’istituzione culturale ospitano, per una volta, una rassegna sul gelato italiano. L’esposizione, realizzata con la collaborazione dell’Uniteis, l’Associazione dei Gelatieri Artigianali Italiani in Germania, racconta come questa produzione artigianale abbia superato le Alpi, per arrivare nella regione della Ruhr.

All’inizio del secolo scorso Giovanni Martini partiva da Zoldo e attraversava le valli bellunesi ancora innevate. Ogni anno verso maggio un viaggio dall’Italia alla Germania. Per una decina di estati, tra il 1903 e il 1913, il gelataio veneto ha attraversato le strade di Recklinghausen con il suo carretto. A cento anni di distanza il museo di Bochum mette in mostra proprio il carretto di Giovanni Martini. Insieme al negozio ambulante vengono esposti oltre 150 oggetti, tutti gli utensili che hanno fatto la storia del gelato nella Ruhr.

Grazie al patrocinio della Regione Veneto sono stati messi a disposizione della mostra: documenti e fotografie, ma anche refrigeratori, macchine per le cialde, ricette, cucchiai e persino banconi. Non mancano le foto con i paesaggi della valle di Zoldo e di Cadore che mostrano i freddi inverni nelle Dolomiti. E la mostra di Bochum arriva sino agli ’60, con l’esposizione delle sedie e dei tavoli del Café Venezia della città di Hagen.

In Germania il mestiere del gelataio è sempre stato un lavoro stagionale. Un’attività che per lunghi mesi teneva divise le famiglie, costringendole a vivere tra due culture. Le prime gelaterie risalgono agli anni ‘40, poi, con il boom economico e le prime vacanze al mare in Italia, le vendite all’estero sono costantemente cresciute.

In Germania le gelaterie rappresentano una sorta di prolungamento delle vacanze. Oggi le aziende italiane a conduzione familiare sono quasi del tutto scomparse e quindi spesso il gelato e la sua produzione qui in Germania sono in mano ai tedeschi o ad altri immigrati.

Fabrizia Ingrassia Baden-Württemberg(14/09/2009)
 
 
Archivio Italia nel mondoArchivio GeneraleHome News

 

Reg. Tribunale di Milano n. 739 del 28 dicembre 2002

Direttore responsabile: Marco Gasperetti
Caporedattore: Michelangelo Betti
Grafica: Andrea Grande

Collaboratori: Italia | Estero

Vuoi identificarti?
Utente
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati
Potrai accedere alla Biblioteca e partecipare ai Forum!

Clicca qui!

Newsletter
Per ricevere le notizie di ICoN lascia la tua
e-mail

Rapporti internazionali
Partner didattici


Icon tools
Invia a un amico questa pagina
Fai di questa pagina la tua home page
Stampa questa pagina
Copyright © 2000-2016 Consorzio ICoN - Italian Culture on the Net - p.i. 01478280504
Sede legale: Lungarno Pacinotti 43, 56126 Pisa - Sede amministrativa: Piazza dei Facchini 10, 56125 Pisa
Iscrizione al Registro delle imprese di Pisa: PI-130559