Icon Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Ricerca nel sito
Corsi di italiano
Corsi di italiano
I corsi di italiano della prima generazione
Aree disciplinari del corso di laurea
Antichistica
Filosofia
Geografia
Letteratura
Lingua
Musica, Teatro e Cinema
Storia dell'arte
Storia e scienze sociali
Risorse in abbonamento
Biblioteca digitale
Museo virtuale
Enciclopedia
Materiali multimediali
Formazione
Forum
Ricerca utente

Archivio BreviArchivio GeneraleHome News

Tullio De Mauro contro
la cattiva informazione

"L'italiano, una lingua in salute"

L'informazione, un cattivo specchio della lingua italiana. Il professor Tullio De Mauro affronta il tema delle divergenze tra i servizi giornalistici e lo stato la lingua. Gli operatori dell'informazione amano, secondo De Mauro, diffondere notizie allarmistiche sulla lingua italiana, quando invece questa non ha mai goduto di tanta salute. "I tanto criticati anglicismi nella nostra lingua - spiega il linguista - non superano il 2%, quando nel Webster e nell'Oxford Dictionary gli italianismi arrivano a circa il 4% del totale, senza che ciò susciti alcuna preoccupazione negli ambienti linguistici anglosassoni. Tutto ciò va inquadrato nell'ottica di un continuo rimodellamento e aggiornamento delle lingue, ora che il mito del monolinguismo di Stato, della tri-unità di lingua, nazione e stato, sta declinando in favore di posizioni più realistiche. Secondo studi recenti le lingue attualmente parlate nel mondo dovrebbero essere intorno alle 7200, con casi di decine di lingue diverse parlate e scritte all'interno dei confini dello stesso stato".

Il professor De Mauro è anche intervenuto sul livello culturale medio italiano. L'ex-ministro ha ricordato come lo sviluppo della civiltà urbana in Italia sia avvenuto in maniera eccezionalmente rapida dagli anni '50 in poi, quando da una produzione agricola che impiegava circa il 70% della popolazione, siamo passati rapidamente prima alla produzione industriale e poi a una società di servizi. Altri paesi europei hanno vissuto processi analoghi, dilatati su tempi molto più lunghi, e sono quindi riusciti a sviluppare una crescita coerente della istruzione scolastica in parallelo allo sviluppo della società urbana.
A metà degli Anni '50 il 60% degli italiani non aveva ottenuto la licenza elementare, e la metà di questi erano analfabeti; oggi, un italiano su tre è in grado di leggere agevolmente un giornale, mentre gli altri trovano difficoltà di vario genere e grado: confrontato con la situazione del dopoguerra, non è un risultato disprezzabile, anche se ovviamente molto deve ancora essere fatto. Sono molti gli aspetti da incentivare, livelli più alti di istruzione si rendono ormai necessari per favorire uno sviluppo sinergico della società italiana.

Dal 1957 Tullio De Mauro ha insegnato nelle università di Roma, Napoli, Palermo, Chieti, Salerno. Fondatore della Società di Linguistica Italiana, il professor De Mauro è stato anche consigliere della Regione Lazio, componente del Consiglio Nazionale dei Beni Culturali e ministro dell'Università e della Pubblica Istruzione. Dal 1993 è membro del Comitato Scientifico per lo studio sulle minoranze linguistiche, promosso dal Parlamento Europeo. Dal 1989 dirige per l'UTET e la Paravia di Torino il Grande Dizionario Italiano dell'Uso (GRADIT) e dal 1987 cura la collana dei libri di base Guida all'uso delle parole per Editori Riuniti.

MiB(23/2/2009)
 
 
Archivio BreviArchivio GeneraleHome News

Reg. Tribunale di Milano n. 739 del 28 dicembre 2002

Direttore responsabile: Marco Gasperetti
Caporedattore: Michelangelo Betti
Grafica: Andrea Grande

Collaboratori: Italia | Estero

Vuoi identificarti?
Utente
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati
Potrai accedere alla Biblioteca e partecipare ai Forum!

Clicca qui!

Newsletter
Per ricevere le notizie di ICoN lascia la tua
e-mail

Rapporti internazionali
Partner didattici


Icon tools
Invia a un amico questa pagina
Fai di questa pagina la tua home page
Stampa questa pagina
Copyright © 2000-2016 Consorzio ICoN - Italian Culture on the Net - p.i. 01478280504
Sede legale: Lungarno Pacinotti 43, 56126 Pisa - Sede amministrativa: Piazza dei Facchini 10, 56125 Pisa
Iscrizione al Registro delle imprese di Pisa: PI-130559