Icon Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Ricerca nel sito
Corsi di italiano
Corsi di italiano
I corsi di italiano della prima generazione
Aree disciplinari del corso di laurea
Antichistica
Filosofia
Geografia
Letteratura
Lingua
Musica, Teatro e Cinema
Storia dell'arte
Storia e scienze sociali
Risorse in abbonamento
Biblioteca digitale
Museo virtuale
Enciclopedia
Materiali multimediali
Formazione
Forum
Ricerca utente

Archivio Arti e spettacoliArchivio GeneraleHome News

Duecento anni di musica italiana

Una mostra itinerante per Casa Ricordi

Alla conclusione la tappa della mostra That’s Opera: 200 years of Italian Music. A Bruxelles l’esordio della rassegna itinerante dedicata a due secoli di melodramma italiano, con l’esposizione di documenti e oggetti dell’Archivio Storico Ricordi. L’intera storia della casa editrice di musica per la prima volta presentata al pubblico.

Nella capitale belga, nel cuore dell’Europa, è iniziato il percorso espositivo della mostra, ma sono già in calendario i prossimi appuntamenti. Fino al 2015. Dopo Bruxelles la raccolta sarà infatti trasferita a San Pietroburgo, poi Berlino, New York, Parigi, Pechino, con la chiusura della “tournée” a Milano, nella città di Casa Ricordi e del Teatro alla Scala.

Il concetto originale di That’s Opera fonde due livelli narrativi. Il primo consente al visitatore di partire per un viaggio attraverso le cinque fasi creative della costruzione di un’Opera. Per realizzare questo viaggio, Atelier Brueckner, autore del design della mostra, sviluppa questo concetto in cinque sezioni. Questo particolare allestimento interattivo aiuta a descrivere ogni aspetto dell’Opera, sia nella forma che nei contenuti, volendo essere il più realistico possibile.

Corre parallelamente fra le cinque sezioni la storia della Ricordi che mette in luce i punti fondamentali del suo percorso e spiega come sia diventata parte della storia della musica, sempre restando in stretta collaborazione con i suoi compositori. La mostra unisce pezzi storici a interazioni tecnologiche: sono disponibili touch screen e guide palmari. È anche disponibile un programma pensato per i bambini.

Si parte dal 1808, anno in cui il fondatore Giovanni Ricordi avviò la sua modesta attività tipografica a Milano. Una crescita costante, attraverso cui i Ricordi diventarono proprietari dei diritti di tutte le opere del Teatro alla Scala di Milano. La prima parte della mostra è focalizzata sul libretto, con copie e originali di manoscritti di Giacomo Puccini e lettere di Giuseppe Verdi. Si passa poi alla concezione della partitura, presentata nei manoscritti dell’Aida e del Mefistofele. Nella terza e quarta sezione l’ideazione della messa in scena e il lavoro sui costumi, con bozzetti, disegni originali d’epoca e i costumi del spettacolo Madame Butterfly. Nell’ultimo spazio si trova “la rappresentazione”: in una sala che imita quella di un teatro viene proiettata una piccolissima parte dell’Aida, mostrando anche il lavoro di cambiamento di scene. Una rappresentazione molto conosciuta, in costumi contemporanei.

La mostra rappresenta un omaggio all’opera e un’interessante opportunità per chi vuole capire il lavoro dietro il spettacolo. C’è un “ma”: nella serie di foto storiche si trovano Enrico Caruso, Maria Callas, Placido Domingo e José Carreras, manca però del tutto Luciano Pavarotti.

Il sito ufficiale della mostra.

Françoise Beck31/03/2009
 
 
Archivio Arti e spettacoliArchivio GeneraleHome News

Reg. Tribunale di Milano n. 739 del 28 dicembre 2002

Direttore responsabile: Marco Gasperetti
Caporedattore: Michelangelo Betti
Grafica: Andrea Grande

Collaboratori: Italia | Estero

Vuoi identificarti?
Utente
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati
Potrai accedere alla Biblioteca e partecipare ai Forum!

Clicca qui!

Newsletter
Per ricevere le notizie di ICoN lascia la tua
e-mail

Rapporti internazionali
Partner didattici


Icon tools
Invia a un amico questa pagina
Fai di questa pagina la tua home page
Stampa questa pagina
Copyright © 2000-2016 Consorzio ICoN - Italian Culture on the Net - p.i. 01478280504
Sede legale: Lungarno Pacinotti 43, 56126 Pisa - Sede amministrativa: Piazza dei Facchini 10, 56125 Pisa
Iscrizione al Registro delle imprese di Pisa: PI-130559