Icon Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Ricerca nel sito
Corsi di italiano
Corsi di italiano
I corsi di italiano della prima generazione
Aree disciplinari del corso di laurea
Antichistica
Filosofia
Geografia
Letteratura
Lingua
Musica, Teatro e Cinema
Storia dell'arte
Storia e scienze sociali
Risorse in abbonamento
Biblioteca digitale
Museo virtuale
Enciclopedia
Materiali multimediali
Formazione
Forum
Ricerca utente

Archivio Arti e spettacoliArchivio GeneraleHome News

A Marco Santagata il Campiello

Un premio per "Il Maestro dei Santi Pallidi"

Premio Campiello per Il Maestro dei Santi Pallidi di Marco Santagata. Un riconoscimento assegnato a un romanzo dalla storia particolare, disseminata di elementi reali: la narrazione presenta la vita dell’Appennino emiliano in un Quattrocento segnato dal primo Rinascimento. Uno spazio remoto rispetto ai grandi centri culturali, un luogo degli umili e dell’ignoranza. Su queste montagne contadine cresce l’orfano Cinìn, servo e analfabeta che, nell’epoca degli studi sulla prospettiva, si rivela raffinato pittore. Una scoperta che sconvolge la vita del giovane e che col tempo lo porta a esperienze esaltanti e drammatiche. Marco Santagata, professore all’Università di Pisa e presidente del Consorzio ICoN, ha ricevuto dalle mani del presidente del Senato Marcello Pera, un premio per certi versi inatteso. Incontriamo l’autore nei giorni successivi alla premiazione, all’interno del palazzo del rettorato dell’ateneo pisano.

Il Maestro dei Santi Pallidi presenta personaggi e vicende di un passato lontano. Ritiene corretta l’etichetta di romanzo storico che alcuni hanno assegnato alla sua opera?

La collocazione del racconto in un lontano passato non basta a farne un romanzo storico, direi piuttosto che si tratta di un romanzo “in costume”, come certi vecchi film di cappa e spada. Il contesto fornisce un’ambientazione adeguata alle vicende di Cinìn, ma non c’è la ricostruzione di vicende storiche e solo i riferimenti ad alcune parti dei dipinti dell’orfano-pittore hanno una reale consistenza.

La vicenda di Cinìn è quindi collocabile solo nel Quattrocento italiano o ha caratteri universali?
Cinìn vive un’età di grandi trasformazioni. La sua vicenda è localizzata in un periodo e in una regione precisa, ma in realtà siamo di fronte a una storia di delusione e frustrazione delle ambizioni giovanili. Una storia che, in effetti, potrebbe essere collocata anche in altri periodi. Il Quattrocento, con la novità della prospettiva, presenta caratteristiche adeguate a evidenziare la frattura tra una provincia isolata e i grandi centri culturali. Accanto alla storia del protagonista emerge con evidenza lo stacco esistente tra un mondo impermeabile all’innovazione e l’elaborazione delle avanguardie artistiche.


Il Premio letterario Campiello, uno dei più prestigiosi d'Italia, è giunto quest’anno alla sua quarantunesima edizione. Nel 1963 il riconoscimento, istituito dagli industriali del Veneto e nato come strumento di promozione e diffusione culturale, fu assegnato al romanzo "La Tregua" di Primo Levi, ma la lista dei vincitori comprende autori e testi che hanno segnato la produzione letteraria italiana degli ultimi decenni.

Dal 1997 la Fondazione Il Campiello ha anche istituito un secondo riconoscimento, assegnato nel corso della stessa manifestazione. Quest’anno il Premio Speciale della giuria è andato a Edoardo Sanguineti, esponente di spicco della cultura e della letteratura italiana.

Michelangelo Betti(25/2/2009)
 
 
Archivio Arti e spettacoliArchivio GeneraleHome News

Reg. Tribunale di Milano n. 739 del 28 dicembre 2002

Direttore responsabile: Marco Gasperetti
Caporedattore: Michelangelo Betti
Grafica: Andrea Grande

Collaboratori: Italia | Estero

Vuoi identificarti?
Utente
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati
Potrai accedere alla Biblioteca e partecipare ai Forum!

Clicca qui!

Newsletter
Per ricevere le notizie di ICoN lascia la tua
e-mail

Rapporti internazionali
Partner didattici


Icon tools
Invia a un amico questa pagina
Fai di questa pagina la tua home page
Stampa questa pagina
Copyright © 2000-2016 Consorzio ICoN - Italian Culture on the Net - p.i. 01478280504
Sede legale: Lungarno Pacinotti 43, 56126 Pisa - Sede amministrativa: Piazza dei Facchini 10, 56125 Pisa
Iscrizione al Registro delle imprese di Pisa: PI-130559